6 luglio 2010

AI 10/11 Haute Couture

Parigi è in fashion week. Sfila in passerella, la Haute Couture de LA firma per eccellenza: l'estro creativo John Galliano. 
Per l’Autunno-Inverno 2010/2011 la Haute Couture di Dior veste la donna di fiori: magnifici, colorati ed esuberanti. La natura lo ha ispirato; lui  non ha fatto altro che tradurre segni e segnali di un jardin enchanté che ogni giorno ci circonda. Sfila la donna-tulipano, con l’acconciatura avvolta da una velina trasparente, proprio come un bouquet: violette, rose, peonie, fiordalisi, orchidee, tessuti lussureggianti di stampe e ricami. Le gonne sono le protagoniste: dal vitino di vespa si aprono petali su petali, si chiudono a bocciolo strati su strati, scolpite come un calice di calla, sfumate come un iris. Il forte contrasto dei colori fa il resto. Ed ecco che, ancora una volta, vale la regola che una donna si conquista con un fiore. 
Galliano, dandy dal cappello di paglia e dal cuore romantico, lo sa.


Christian Dior
Backstage
Paris 2010


Adoro i Backstage.
Per me sono la parte più vera di una sfilata.
Mi piace vedere le modelle rilassate, i make up artist e gli hair stylist al lavoro.
Dietro quella passerella ci sono mesi di lavoro, tensione, preoccupazione, creatività, ore passate in bianco davanti ad un figurino, giorni ed ore alla ricerca dell'accostamento colore più giusto, bozzetti fatti, rifatti e modificati infinità di volte, e poi... eccola, il lavoro finale.
Quelle ore passate dietro ad un backstage danno adrenalina. 
Sei lì, con centinaia di persone, ognuna intenta al proprio ruolo: corrono, ti spingono, urlano, parlano, chiacchierano. VOCI. TANTE VOCI. 
E tu sei lì, li guardi e pensi:
 "Ragazzi, calma! In fondo sono solo 20 minuti........ Eppure sono i 20 minuti più lunghi e belli degli ultimi 5 mesi!"


[style.it snapshots]

Nessun commento:

Posta un commento

Feel free to leave a message, Lala