27 febbraio 2012

And the Oscar goes to....



La notte scorsa il Kodak Theatre di Los Angeles ha ospitato come ogni anno la celeberrima notte degli Oscar...
Stamattina, tra i vari twit che parlavano degli Oscar, 
(si sa... quando c'è un evento i social network impazziscono, ognuno vuole dire la sua, si commenta, si elogiano celeb... e Twitter, ultimamente, è tra i favoriti) 

ho letto questo.... e mi ha fatto sorridere.






Un premio è andato a Woody Allen e al suo Midnight In Paris, che conquista il riconoscimento per la miglior sceneggiatura originale. 




Gli Oscar 2012 vedono il trionfo di “The Artist”.
Il film muto di Michel Hazanavicius si è aggiudicato cinque statuette importantissime: miglior film, miglior attore protagonista, miglior regia, miglior colonna sonora e migliori costumi. 




Per quanto riguarda la questione Italia dobbiamo essere fieri dell’Oscar conquistato da Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo, premiati per la miglior scenografia in
 "Hugo Cabret". 




Terza statuetta in carriera per Maryl Streep e per i nostri coniugi Ferretti, 
prima per Lo Schiavo. Un pò di Italia anche a Los Angeles.







Ecco la lista dei vincitori:



MIGLIOR FILM
 
The Artist

MIGLIOR REGIA 
Michel Hazanavicius – The Artist

MIGLIOR ATTORE PROTAGONIST A

Jean Dujardin – The Artist

MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA

 Meryl Streep – Iron Lady

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA 
Christopher Plummer – Beginners

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA
 Octavia Spencer – The Help

MIGLIOR FILM STRANIERO
 Una separazione (Iran)

MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE
 Rango

MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE
 Woody Allen – Midnight In Paris

SCENEGGIATURA NON ORIGINALE
 Alexander Payne, Nat Faxon, Jim Rash – Paradiso amaro

MIGLIOR COLONNA SONORA 
Ludovic Bource – The Artist

MIGLIOR CANZONE 
Bret McKenzie (“Man or Muppet”) – I Muppet

MIGLIOR FOTOGRAFIA 
Robert Richardson – Hugo Cabret

MIGLIOR MONTAGGIO
 Angus Wall, Kirk Baxter – Millennium – Uomini che odiano le donne

MIGLIOR SCENOGRAFIA 
Dante Ferretti, Francesca Lo Schiavo – Hugo Cabret

MIGLIORI COSTUMI 
Mark Bridges – The Artist

MIGLIOR TRUCCO 
Mark Coulier – The Iron Lady

MIGLIOR SONORO 
Philip Stockton e Eugene Gearty – Hugo Cabret

MIGLIOR MISSAGGIO DEL SUONO
 Tom Fleishman e John Midgley Hugo Cabret

MIGLIORI EFFETTI SPECIALI 
Rob Legato, Joss Williams, Ben Grossmann e Alex Henning – Hugo Cabret

MIGLIOR DOCUMENTARIO Undefeated di TJ Martin, Dan Lindsay e Richard Middlemas

MIGLIOR DOCUMENTARIO CORTOMETRAGGIO
 Saving Face

MIGLIOR CORTO ANIMATO The Fantastic Flying Books of Mr. Morris Lessmore (2011): William Joyce, Brandon Oldenburg

MIGLIOR CORTO The Shore: Terry George
Tuba Atlantic (2010): Hallvar Witzø




Moltissime le celebrities  non hanno perso occasione per mostrarci i look che hanno scelto per camminare su quello che è forse il tappeto rosso più glamour e più spiato di tutto il mondo... e noi, le accontentiamo! 
Ecco quelle che ho scelto per voi.

Srotolate il tappeto rosso degli Oscar 2012 e iniziamo con i look delle star! 



Rooney Mara in Givenchy
Abito stupendo.



Angelina Jolie in Atelier Versace
Troppo magra, ma vince su tutte.




Natalie Portman in Christian Dior Haute Couture
Natalie Portman, in lista segnata con + 1 (i suoi diamanti)




Michelle Williams in Louis Vuitton ha davvero fatto furore

(tra le mie preferite)



Jennifer Lopez in Zuhair Murad

Non ha scelto quello giusto, con le sue curve,  l'abito a sirena non è adatto.




Gwyneth Paltrow in Tom Ford

Elegante.
 


Cameron Diaz in Gucci 
Bella, ma non ha pagato l'hair stylist.





Jessica Chastain in Alexander McQueen
Adovo questo abito. Adooooooovo!



Emma Stone in Giambattista Valli
Splendida e raggiante.



Penelope Cruz in Armani Privè
Raffinata.




Milla Jovovich in Elie Saab
Anche lei, tra le mie preferite. 




Stacy Keibler in Marchesa

George, perchè non prendi una fidanzata che abbia almeno un po' di gusto nel vestire?




Sandra Bullock in Marchesa

Una ninfa.
 


Meryl Streep in Lanvin
Meryl. Cosa altro aggiungere?



Nina Garcia in Jean Paul Gaultier
Sobria ed elegante.





 Da Lala, Milano, è tutto.



Nessun commento:

Posta un commento

Feel free to leave a message, Lala