12 settembre 2012

Tagli capelli: le nuove proposte 2012/2013




Non siete stanche di girarvi intorno e di vedere SEMPRE OVUNQUE e COMUNQUE
SHATUSH?

E' da 2 anni, ormai, che non si parla e non si vede altro sulle teste di noi donne.
"Dove hai fatto questo fanstatico Shatush?"
"Mmmh guarda quella lì, ha lo shatush più bello e più grande del mio!"
"Shatush fai da te? Daiii, come si fa?"
(nel caso, leggere qui)
"Cosa mangi a pranzo? Shatush? Aaah!"
"Stasera? Shatush!"
"Questo weekend parti? Sì, Shatush!"
"Che carino, è tuo figlio? Come si chiama? Shatush."
E basta!

L'estate ormai è passata,
i capelli si sono indeboliti e sfibrati tra raggi solari, salsedine,
la piastra per non farli gonfiare con l'umidità della sera...
Oddio, vogliamo parlare del clima e dell'umidità che c'è sulle isole?
Dei 40° all'ombra che ci arricciavano tutti i capelli perfettamente stirati?
Le ore di caldo che si propagavano nel bagno di quella camera d'albergo?
Brutto argomento, lasciamo stare.


Ieri, presa un po' dalla noia, un po' dalla voglia di cambiamento,
un po' da una passeggiata sotto al caldo milanese,
mi son detta, guardando la vetrina di un parrucchiere:
"Vai Lala, entra! Quel tipo lì risolverà tutti i tuoi problemi!"
Come dicevo, faceva un po' caldo, volevo un po' d'aria condizionata,
non me lo son fatta dire due volte (anche perchè parlavo da sola)
e sono entrata. 
Abbiamo sfogliato insieme dei giornali, visto un po' di immagini su Google,
Tumblr, Pinterest e chi più ne ha più ne metta, e...
il risultato su per giù è stato questo.




NOTA BENE: QUESTA NON E' UNA FACCIA TRISTE
   
Si chiama Smoking Couture ed esprime lo stile rock, 
sensuale e grintoso. 

E' la scelta di Franck Provost e Jean Louis David
  per l’autunno-inverno 2012/2013  
basata sul contrasto tra gli opposti.

Io ho optato per un biondo, dato che non avevo intenzione di cambiare anche colore, ma i tagli sono perfetti per tutti  i tipi e tutti i colori di capelli, l'importante è scalarli per renderli voluminosi, perchè, altrimenti, appiattiscono il viso.

Tagli 2012/2013 Jean Louis David






 
I confini sono netti, i tagli sono precisi e decisi e il volume è l’assoluto protagonista. Tutti i tagli, dal lungo scalato al carrè drittissimo, 
danno la possibilità di scegliere una pettinatura più semplice e giornaliera,
 oppure un’acconciatura più articolata, con onde morbide o ricci selvaggi da creare con l’aiuto di una spazzola tonda. 

Il risultato è uno stile aggressivo, quasi punk, ma molto femminile. Tra i colori domina il biondo dorato, sempre amato da Franck Provost, e declinato nella sua tonalità più chiara e con riflessi perlati. Per i tagli corti invece il colore è il castano marron glassè, con riflessi rossicci che rendono più profonda e multisfaccettata la tonalità dei capelli.
(le shampiste.com


Io ci ho provato, e voi?



9 commenti:

  1. Lala sei troppo carina e questo taglio ti dona un sacco :D <3
    Ele

    RispondiElimina
  2. Il taglio di dona molto!! :) anch'io ne ho fatto uno simile, anche se è più un classico scalato, ma il mio parrucchiere me li ha tagliati in modo che fossero sempre voluminosi e mi ha consigliato di scaldare un po' il colore con delle mechès (meglio conosciute come fantasmini: stanno solo all'interno della capigliatura e si intravedono qua e là)... cosa che mi sono fatta fare, di un bel rosso accesso :D

    RispondiElimina
  3. A Milano vero? Quale parrucchiere mi consigli?
    Ida

    RispondiElimina
  4. cara lala, seguiamo sempre il tuo blog ,grazie a te che ci tieni aggiornate costantemente,sei troppo forte e ora ancora piu' bella ! santa e vincenza

    RispondiElimina
  5. Grazie ragazze, siete davvero carine!!

    Ida, sono stata da Hair Company, è in via Vittorio Veneto 10 e mi sono trovata benissimo, adoro il taglio e il colore!

    Un bacio

    RispondiElimina
  6. Stai benissimo!!!!!!! =)

    www.fashionandelicious.blogspot.it

    RispondiElimina
  7. Bellissimi esempi x tagli di capelli 2012-2013,complimenti!!!

    RispondiElimina
  8. Questo articolo è davvero bellissimo,anche le immagini sono belli...

    RispondiElimina

Feel free to leave a message, Lala